ARTE RUBRICHE TRAVEL

La sfida di Getty Museum e CovidClassics: i quadri diventano reali con la quarantena| TricaricOvunque

Tutti gli amanti dell’arte e dei musei ameranno follemente questa iniziativa del Getty Museum, il museo che a Los Angeles racchiude oltre 6000 anni di storia e di arte.

Gli effetti della quarantena

Sette giorni fa è partita la sfida social: come mantenere alto l’interesse e coinvolgere, nel frattempo, gli utenti sui social? Ed ecco, il post del museo americano che mira ad aumentare l’engagement e l’awarness del brand. 

Cosa è stato richiesto nella pagina Instragram del museo (che conta ad oggi 423 mila followers e chissà quanto aumenterà con questa strategia digitale)? Semplicemente di scegliere il proprio quadro preferito e attraverso tre oggetti presenti nella propria casa di ricrearlo. Un ottimo modo per stuzzicare il proprio ingegno e la propria creatività. Un’opportunità, soprattutto, per spolverare i grandi classici ed aumentare la reputazione del museo a costo zero.

Strategia crossmediale

Lo stesso post, chiaramente, è stato diffuso anche sulla pagina Facebook Getty del museo; quindi come fare a rintracciare il risultato e il coinvolgimento degli utenti? Il potere degli hashtag: 

 

Just too good. Portrait of the Marquise de Miramon, née Thérèse Feuillant, 1866, Jacques Joseph Tissot

Pubblicato da Getty su Mercoledì 25 marzo 2020

Il risultato 

CovidClassics

Anche quattro coinquilini che amano l’arte e che hanno dato vita alla pagina Instagram @coviclassic (si legge sulla pagina “4 roommates who love art… and are indefinitely quarantined. No filters, no edits, just us and the stuff in our house.”) ci hanno messo “la propria arte”. Cosa fa la noia? No, è solo creatività.

L’opera, l’originale e il dietro le quinte: non manca nulla.

Dal “San Girolamo” di Caravaggio (dipinto a olio su tela realizzato tra il 1605 ed il 1606 dal pittore) attualmente conservato nella Galleria Borghese di Roma passando da Magritte, Van Dyke  fino a Goya con il “Saturno che divora i suoi figli”. Oltre 45 mila follower per soli 12 post (al momento, ma la quarantena è lunga).

Educativo e divertente. Evviva l’arte che sposa i social.

Written By

Close